Simulink Requirements

 

Simulink Requirements

Creazione, gestione e tracciabilità dei requisiti in base a modelli, codice generato e casi di test

Inizia ora:

Creazione e organizzazione dei requisiti

Crea requisiti utilizzando rich text, specifica attributi e organizza serie di requisiti.

Acquisizione di requisiti

È possibile descrivere i requisiti ed i relativi fondamenti logici con rich text tra cui immagini ed elenchi puntati e numerati. Gli ulteriori attributi come gli ID, le parole chiave, le informazioni sulle revisioni e i commenti consentono di affinare e rendere più dettagliati i propri requisiti. Gli attributi personalizzati consentono di estendere i requisiti con i propri tipi di dati caratterizzati da requisiti unici.

Requirements Editor per la creazione, la modifica e l’organizzazione dei requisiti.

Gestione di tutti i requisiti all’interno del proprio progetto

Il Requirements Editor consente di visualizzare, creare e gestire tutti i requisiti all’interno del proprio progetto. Comprende:

  • Browser dei requisiti per organizzare gerarchie di requisiti
  • Visualizzazione dei collegamenti per la relativa gestione all’interno del progetto
  • Property Inspector per visualizzare e modificare i dettagli di requisiti e collegamenti
  • Personalizzazioni per la configurazione della visualizzazione e l’ordinamento delle colonne
  • Strumento di ricerca per filtrare ampie serie di requisiti
  • Generazione di report per documentare i requisiti

Uso contemporaneo di requisiti e modelli

Crea, visualizza, organizza e gestisci i requisiti svolgendo al contempo attività di progettazione.  Traccia i requisiti in base alla progettazione utilizzando il trascinamento e individua le lacune a livello di implementazione all’interno dell’ambiente di modellazione. 

Visualizzazione integrata di requisiti, architettura e progettazione

La funzione Requirements Perspective fornisce una visualizzazione integrata all’interno di SimulinkSystem Composer Stateflow® , nella quale è possibile visualizzare, creare e organizzare requisiti mentre si eseguono attività di progettazione.

Requirements Perspective, per la gestione dei requisiti all’interno dell’ambiente di sviluppo Simulink.

Supporto per l’ingegneria dei sistemi Model-Based

Durante lo sviluppo di modelli di architettura in System Composer, è possibile acquisire, visualizzare e gestire direttamente i requisiti di sistema con Simulink Requirements. È possibile collegare i requisiti di sistema a vari elementi dei modelli di architettura per stabilire un thread digitale tra i requisiti e l’architettura. Inoltre, è possibile analizzare la completezza dell’architettura mediante l’analisi di copertura dei requisiti. Durante l’analisi del modello di architettura, è possibile derivare ulteriori requisiti e collegarli al modello.

Creazione della tracciabilità con operazioni di trascinamento

È possibile creare collegamenti tra i requisiti e il proprio progetto trascinando un requisito dal browser dei requisiti e rilasciandolo negli oggetti di modelli System Composer, Simulink o Stateflow. Sull’oggetto del modello appare un badge che indica la presenza di un collegamento e consente di navigare verso il requisito collegato. È possibile scegliere di visualizzare il requisito e il relativo connettore sul diagramma del modello dal badge.

Importazione e sincronizzazione di requisiti esterni

I requisiti provenienti da altre fonti, come IBM Rational DOORS, Microsoft Word o Microsoft Excel, possono essere importati come riferimenti di sola lettura o per un’ulteriore modifica in Simulink. È possibile utilizzare il formato di interscambio dei requisiti (ReqIF) per importare ed elaborare i requisiti da strumenti di gestione dei requisiti di terze parti che supportino tale formato, come Siemens Polarion® ALM™ o Jama Connect™. Durante l’importazione, è possibile controllare la mappatura dei campi dal documento esterno in Simulink Requirements. È possibile scegliere di importare dei campi mappati su attributi personalizzati in modo che vi sia una corrispondenza con il contenuto nel documento esterno. Grazie a un’operazione di sincronizzazione si è in grado di mantenere la consistenza con i requisiti referenziati. Se un requisito subisce una modifica, appare una notifica che consente di valutarne l’impatto.

Visualizzazione dei requisiti da altri strumenti e utilizzo di ReqIF per visualizzare gli aggiornamenti e i collegamenti nell’altro strumento.

Identificazione e risposta alle modifiche

Ogni volta che un requisito subisce una modifica, è importante comunicarlo al team per evitare errori a valle. Tutti i requisiti e i collegamenti conservano la cronologia delle revisioni dalla quale reperire il momento in cui sono avvenute le modifiche. Simulink Requirements rileva le modifiche dei requisiti collegati ai modelli, compresi quelli importati da fonti esterne, consentendo quindi di valutare l’impatto della modifica sui propri progetti e di agire di conseguenza. È possibile eseguire un’operazione di differenziazione su una serie di requisiti per visualizzare le modifiche dei requisiti.

Rilevamento delle modifiche che genera un avviso ogni volta che i requisiti importati da documenti esterni vengono modificati. 

Tracciabilità dei requisiti in base a progettazione, codice e test

Stabilisci un thread digitale creando collegamenti di requisiti a elementi del modello, codice MATLAB, dizionari di dati, elementi Stateflow, modelli di architettura System Composer e altri requisiti. È possibile collegare requisiti e casi di test, harness di test, suite di test e sequenze di test in Simulink Test™, nonché accedere ai collegamenti dal modello Simulink o dal Test Manager. Il codice generato da Embedded Coder®, HDL Coder™ o Simulink PLC Coder™ è in grado di contenere un collegamento ipertestuale dal report della generazione di codice ai requisiti. Questi collegamenti vengono presentati come etichette di commenti nel codice. I collegamenti ipertestuali nel report della generazione di codice consentono la navigazione diretta dal codice ai requisiti.

È possibile collegare e tracciare elementi dei modelli Simulink in relazione ai requisiti in IBM® Rational® DOORS® o IBM® Rational® DOORS® Next Generation.

Con il DO Qualification Kit (per DO-178 e DO-254) e l’IEC Certification Kit (per ISO 26262 e IEC 61508), è possibile generare un foglio di lavoro per la matrice di tracciabilità che illustra i percorsi di tracciabilità bidirezionali requisiti-modello-codice e le informazioni sui file.

Tracciabilità dei requisiti con System Composer, Simulink, Stateflow, codice MATLAB e artefatti di test per la documentazione e l’analisi dell’impatto.

Tracciabilità dello stato delle attività di progettazione Model-Based

Visualizzazione dello stato di implementazione e verifica

Simulink Requirements consente di visualizzare lo stato di implementazione e di verifica dei requisiti per individuare eventuali lacune nell’implementazione, requisiti mancanti o errori nella progettazione. Le metriche di implementazione e verifica quantificano la proporzione di requisiti implementati nella progettazione e associati a dei casi di test, oltre a quantificare la proporzione di casi di test superati.

Le metriche relative alla copertura dei requisiti vengono visualizzate come una colonna nel browser dei requisiti con colori indicanti lo stato. Un requisito con requisiti figli non è completamente implementato o verificato finché tutti gli altrettanti relativi requisiti figli, a loro volta, non vengano implementati o verificati. Passando con il cursore sullo stato è possibile visualizzare le metriche cumulative per i requisiti e i relativi requisiti figli. Se ci sono collegamenti mancanti nello stato, vengono indicati i punti in cui è necessario completare l’implementazione o la verifica.

È possibile collegare delle giustificazioni a requisiti non implementati o verificati nel modello. Ad esempio, un requisito non funzionale può essere collegato ad una giustificazione affinché venga filtrato dallo stato. È possibile condividere e riutilizzare un set di giustificazioni più diffuso all’interno del modello.

Visualizzazione dello stato di implementazione e di verifica per ottenere informazioni sullo stato del progetto. 

Matrice di tracciabilità dei requisiti

Per gestire i collegamenti tra grandi set di requisiti, modelli e test, la matrice di tracciabilità riassume la tracciabilità in una vista consolidata della matrice.  Ogni cella mostra i collegamenti tra artefatti per individuare eventuali lacune. Mediante i filtri è possibile ampliare la visualizzazione per concentrarsi su specifici elementi di interesse e facilitare la gestione di grandi set di dati. È possibile evidenziare gli elementi senza collegamenti e visualizzare i collegamenti con modifiche ai requisiti per comprenderne l’impatto. Per risolvere le eventuali lacune di copertura, è possibile aggiungere collegamenti tra elementi direttamente nella matrice di tracciabilità.

Gestione di più collegamenti e tracking delle modifiche ai requisiti in un’unica vista con la matrice di tracciabilità.

Generazione di report dei requisiti

Per le revisioni e la documentazione, è possibile creare un report configurabile che include collegamenti, informazioni sulle modifiche e stato di implementazione e verifica. Con Simulink Report Generator è possibile creare report personalizzati.